L'arco e la bacchetta

A colloquio con il contrabbassista protagonista di un progetto realizzato nel segno dell'incontro tra solisti di straordinaria qualità.

Details

«Quando ero bambino mio padre diceva che non appena avessi raggiunto l'altezza della maniglia del frigorifero di casa mi avrebbe fatto iniziare a studiare il contrabbasso. Quando raggiunsi quel tanto sperato traguardo, avevo circa 10 anni, mi guardò la mano e sentenziò che potevo cominciare. Abituato com'ero a suonare il pianoforte che ha un suono immediatamente gradevole, all'inizio fu molto frustrante faticare per tirare fuori un suono decente: ma la disciplina, l'impegno, l'amore per la musica e la determinazione alla fine mi hanno portato a delle belle soddisfazioni». E di soddisfazioni ne ha davvero avute tante Francesco Siragusa. Fuoriclasse fin da giovanissimo – quando vince il Concorso Giovanni Bottesini e si afferma al Concorso di Ginevra – il musicista siciliano di Carini è Primo Contrabbaso del Teatro alla Scala e della Filarmonica dal 2003. Il suo talento solistico è internazionalmente noto, e Amadeus l’ha testimoniato nel settembre 2007 col cd dedicato al Bottesini cameristico, vate dei contrabbassisti.

In versione concertistica, anche questo disco torna fatalmente al compositore ottocentesco, ed è l’occasione per approfondire il discorso col maestro sul contrabbasso, strumento fondamentale dell’orchestra con inaspettate qualità liriche, e sull’amato Bottesini.

Certo che le dimensioni del contrabbasso non sono proprio agevoli…

«Ah, non lo dica a noi contrabbassisti che dobbiamo armarci di santa pazienza: quando dobbiamo trasportare lo strumento – e le garantisco che non è semplice, non solo per le notevoli dimensioni, anche per la sua delicatezza – è vietato urtare contro qualsiasi cosa, pena una corsa dal liutaio più vicino (quando si trova) per riparare il danno più o meno grave. Bisogna calcolare le misure di tutto ciò che ti circonda, è come se il corpo fosse un tutt'uno col contrabbasso. Senza contare lo sguardo che hanno le persone quando magari sali su un treno o su un mezzo pubblico: a metà tra stupore e commiserazione. Poi per me è difficile anche andare in vacanza, poiché avendo tre figli più il contrabbasso le lascio immaginare i miei viaggi in macchina fino in Sicilia d’estate: una vera odissea».

Perché non c’è molto repertorio per contrabbasso, specie contemporaneo?

«Credo per l’errata mentalità secondo cui il contrabbasso non si presta al solismo. Ma non è così. È vero che non abbiamo molta musica se si esclude Bottesini e qualche altro autore, ma è importante ampliare il repertorio di uno strumento che oggi tecnicamente non è inferiore a nessun altro, perché è sonoramente completo: può essere violino grazie alla possibilità di usare gli armonici, può diventare stupendamente violoncello e, me lo lasci dire, con una voce molto più somigliante a quella umana, e può essere un contrabbasso: ai compositori la possibilità di sbizzarrirsi!».

Meno male che c’è stato il grande Bottesini…

«Per noi contrabbassisti è ovviamente un punto di riferimento importantissimo, e lo è per me in particolare avendo vinto il primo premio al concorso a lui dedicato. Come autore e direttore d'orchestra era di indubbie capacità musicali. Verdi gli affidò la prima dell'Aida al Cairo; c'è una corrispondenza molto fitta tra i due che testimonia la grande stima che aveva Verdi nei suoi confronti. Mi piace ricordare una lettera che Verdi scrisse a Ricordi: “Sapendo che tutti e dappertutto i contrabbassi stonano mando le posizioni”, che sono di Bottesini, “mettetele dunque nella partitura”. Questo lo scriveva a proposito dell'assolo di contrabbassi dell'atto quarto dell'Otello».

Ma com’è il contrabbasso di Bottesini?

«È uno strumento che pensa sempre alla voce umana, e questo è molto evidente anche nel Concerto in si minore del disco: nel primo tempo (dove c'è una bellissima cadenza che mette in risalto tutte le possibilità timbriche del contrabbasso), e soprattutto nel secondo movimento, contraddistinto da un intenso lirismo. Il terzo tempo  io lo sento più come una danza spagnola, molto vicina allo spirito latino, dove nell'ultima pagina è descritta alla perfezione un'ansia senza via di scampo alla ricerca di una disperata soluzione vitale.

Del Concerto abbiamo diverse versioni scritte dallo stesso Bottesini, la cui differenza fondamentale è nell'accordatura. Per ottenere sonorità più brillanti, il compositore amava suonare mezzo tono sopra rispetto alla normale accordatura da solista (La Mi Si Fa#) ancora oggi in uso; per cui era costretto a riscrivere anche la parte dell'accompagnamento mezzo tono sopra. Ma c'è dell'altro: modificava i suoi pezzi di volta in volta sulla base di ripensamenti sperimentati durante le sue esecuzioni in concerto. Questa sua personale modalità di scrittura è testimoniata dai manoscritti che ci ha lasciato e spiega le diversità tra una versione e l'altra».


«C'è sempre stata una grandissima stima reciproca e molto rispetto con Fabrizio. Quello che mi ha stimolato in questo progetto è stata proprio l'idea di poter duettare con un grandissimo musicista come lui e sperimentare l’unione di due strumenti apparentemente così diversi. L'intesa è subito stata perfetta. Ringrazio anche il direttore Rojatti per l’ottimo lavoro svolto e l'orchestra che ha collaborato in maniera sublime e con passione: ringrazio uno a uno tutti i componenti».

Ha un sogno nel cassetto?

«Non è un sogno vero e proprio, ma un grande desiderio: quello di veder crescere in salute e in serenità i miei tre figli Alice, Andrea e Isabella, la luce dei miei occhi».

 

Source Amadeus · Date Nov 1, 2010