recensione concerto Teatro Grande di Brescia

Details

FRANCESCO SIRAGUSA. MAGIA DEL CONTRABBASSO SOLISTA

Non sempre è così, ma a volte la prima impressione è quella giusta: vedere uno strumento monumentale come il contrabbasso e associarlo immediatamente con la solennità di un pachiderma è naturale. Ma ci sono eccezioni straordinarie, come quella nel Salone delle Scenografie del teatro Grande per il concerto dell'Ensemble guidato da Sandro Laffranchini e del quale è stato protagonista proprio questo strumento grazie alla partecipazione solistica di Francesco Siragusa, primo contrabbasso dell'Orchestra del teatro alla Scala di Milano. Qualcosa già diceva in proposito la presenza in programma di un autore come Giovanni Bottesini, noto come il «Paganini del contrabbasso» e il pezzo forte in questo senso è stato proprio quello d'esordio, accompagnato dagli archi di Laura Marzadori e Daniele Richiedei primo e secondo violino, dalla viola di Luca Ranieri e dal violoncello di Sandro Laffranchini.
La Fantasia sui temi della «Lucia di Lammermoor» di Donizetti appunto di Bottesini è stato quanto di più spettacolare ci si potesse attendere grazie a un'abilità tecnica da far gridare al miracolo, vista la sicurezza e la velocità di Siragusa nel correre su e giù per la tastiera del contrabbasso per raggiungere i suoni acuti e sovracuti, nel giocare con gli armonici disegnando una serie rapidissima di variazioni sui temi del capolavoro donizettiano. Gli altri strumenti sono rimasti sullo sfondo del pezzo; il loro contributo è stato notevole e prezioso ma naturalmente la scena era tutta appunto per il solista che ha strappato lunghissimi quanto meritati applausi al numeroso pubblico in sala.
Il programma è proseguito con la Sonata a quattro n. 5 di Gioacchino Rossini, che esclude la viola privilegiando la tessitura acuta dei due violini abbinandoli al timbro morbido di violoncello e contrabbasso; qui hanno dominato soprattutto Laura Marzadori e Daniele Richiedei specialmente nei due movimenti brillanti . E infine il Gran Quintetto op. 1 ancora di Bottesini.L. FERT. 

Source Brescia oggi · Date Jun 5, 2014